Stemma torelli

FAMIGLIA TORELLI

La famiglia nobile originaria di Ferrara, ha tra i suoi massimi esponenti fanesi Lelio Torelli, primo segretario del granduca di Toscana Cosimo I e Giacomo Torelli, grande scenografo del Seicento europeo.

stemma Nolfi

FAMIGLIA NOLFI

I personaggi più illustri della famiglia sono Guido Nolfi (1554-1627), uomo dotto che svolse importanti incarichi nella Curia romana e Vincenzo Nolfi (1594-1665), storico, letterato e principe dell’Accademia degli Scomposti di Fano.

Stemma Marcolini

FAMIGLIA MARCOLINI

I Marcolini hanno dato a Fano, alle Marche, alla nazione e all’Europa, uomini illustri, molti dei quali sono appartenuti all’Ordine di S.Stefano papa e martire costituito da Cosimo I de Medici, approvato da papa Pio VI. Nel 1596 con Matteo Marcolini, priore della Rota, questo ramo assume anche il nome di Marcolini del Balì.

SAN PIETRO RESUSCITA TABITA

Matteo Loves

1633/34
Olio su tela            cm 311,5x265,7

 

1COLLOCAZIONE ORIGINALE: sulla parete sinistra dell'altare maggiore della chiesa di San Pietro in Valle a Fano (1).

COMMITTENTI: eredi di Francesco di Matteo Marcolini che per primo decorò la cappella absidale della chiesa.

Il tema trattato e fedelmente riportato è derivato dagli Atti degli Apostoli, racconta della morte di Tabita, una pia donna di Giaffa, resuscitata da San Pietro. Il suo corpo, deposto su un'altana, è circondato da vedove e credenti.

2bIl robusto chiaroscuro con cui è rappresentato San Pietro (1) evidenzia i riferimenti al Guercino.

La donna a mani aperte (2) è un altro riferimento al Guercino Amnon scaccia la violata Tamar (2bis).3bis

L’architettura ricorda il Veronese (5) Cena a Casa di Levi, 1573 (5bis).4bis

Nell'anziano a destra (4) si vedono aspetti della  cultura nordica  come l’accentuato realismo del volto.

Tabita (3) è rappresentata  su un'altana.

Il personaggio è seduto mentre osserva San Pietro, il suo volto è pallido.

Esiste anche un disegno di Simone Cantarini con lo stesso soggetto e che riporta la stessa sagome degli angoli. Ciò lascia pensare che anche la commissione di tale dipinto aspettasse a lui.

 

 

Matteo Loves, di origini nordiche e di cui si hanno poche notizie, era attivo nella bottega del Guercino. Non conosciamo la data della sua morte ma è precedente al 1647.

5


LINK UTILI

logo comune di fano

logo torelli

marchio sito

museo civico

tdf logo

bali logo 

logo provincia

 

ITINERARIO FAMIGLIA TORELLI

mappafano torelli

ITINERARIO FAMIGLIA NOLFI

mappafano nolfi

ITINERARIO FAMIGLIA MARCOLINI

mappafano marcolini